Pisello

Pisello

formato piantina6 piantina/e, in Vaschetta

disponibilitaTrapiantabile dal 15/02 al 30/04

Dispo: ottima | Consegna: 2-4 giorni lavorativi tramite corriere
Acquista quanto vuoi, la spedizione costa sempre 8 Euro!

Prezzo 3.73 iva inclusa

Quantità Vaschetta

Il pisello è una pianta erbacea appartenente alla famiglia Fabaceae, originaria dell'area mediterranea e orientale. La pianta è coltivata per i suoi famosi semi spesso utilizzati come contorno a tavola. I piselli sono ottimi legumi presenti in numerose ricette, ricchi di interessanti proprietà e valori nutrizionali. Scopri con noi come si coltivano in orto o in vaso, come fare a prendertene cura e quali sono i migliori modi per cucinarlo.


Pisello, come si coltiva in orto

Piantare i piselli in piena terra si può fare usando due tecniche: a file o a postarelle. La coltivazione a postarelle prevede la realizzazione di buchette profonde pochi centimetri, per questo scopo si può utilizzare un piantatoio, le buche saranno distanziate di 30cm. Sulle file invece si manterrà una distanza maggiore di circa 40-50cm o anche più se si preferisce successivamente effettuare i lavori di sarchiatura con una motozappa. In ogni buca colloca le piantine, copri le radici con del terriccio e innaffia.

Se si è scelto di coltivare i piselli in ambiente protetto quindi con una semina precoce, dovrai trapiantare le giovani piantine quando la temperatura esterna sarà abbastanza elevata. In genere questa procedura si effettua dalla seconda metà del mese di marzo fino a metà aprile.
Per il trapianto procedere come segue: sul terreno lavorato effettuare delle buche di 5-6cm più grandi delle dimensioni del contenitore delle piantine da trapiantare (sia in altezza che in larghezza), estrarre le piantine dai contenitori e collocarle nelle buche avendo cura di riempire gli spazi con del terriccio fine o del terriccio generico.
Innaffiare poi in modo abbondante senza bagnare le foglie facendo assestare in questo modo il terreno. Le piantine trapiantate dovranno essere tenute costantemente sott’occhio e innaffiate con regolarità in modo più frequente almeno fino a quando non avranno mostrato segni di ripresa vegetativa.

Quando il baccello è gonfio deve essere raccolto, prima che diventi rugoso, altrimenti il seme diventa duro. Il calore determina la velocità di maturazione, e temperature elevate possono farlo maturare prima che l’ortaggio ingrossi, per questo meglio coltivarlo in primavera. In genere una pianta di piselli dalla semina alla raccolta impiega 90-100 giorni. La maggior parte dei piselli si sgrana consumando il seme, vi sono varietà di piselli mangiatutto come le taccole in cui si cucina l’intero baccello. Questo ortaggio una volta raccolto si conserva in congelatore oppure facendolo seccare.


Piselli, come si coltivano in vaso

Se hai deciso di coltivare i piselli nel tuo orto sul balcone, scegli un vaso largo almeno 40 centimetri. Scegli una posizione in pieno sole, soprattutto se vivi nelle regioni del nord Italia, con un terreno a medio impasto, ben lavorato ed evita quelli troppo compatti, o con una forte presenza di calcio.
La temperatura ideale del pisello va dai 10 ai 20 gradi pertanto è consigliabile seminare tra marzo e aprile. Assicurati che la pianta entri in produzione prima che il clima diventi troppo caldo, poiché le temperature elevate induriscono i piselli e ne frenano la crescita.
Per favorire la germinazione dei piselli, puoi metterli per qualche giorno tra due tovaglioli umidi in un luogo caldo, prima di interrarli, scegliendo un posto riparato e lontano dalla luce del sole. Appena i germogli inizieranno a crescere potremmo seminarli nel vaso. I baccelli si raccolgono dopo circa tre mesi, quando sono ancora teneri e i semi poco sviluppati. Meglio raccoglierli in anticipo che troppo tardi perché se restano a lungo sulla pianta la qualità peggiora.


Pisello: malattie, cure e rimedi

I piselli non necessitano di molte cure, basta innaffiarli regolarmente e pacciamare il terreno del vaso con della paglia, corteccia, gusci di nocciole, insomma va bene qualsiasi materiale che possa contrastare l’evaporazione troppo veloce dell’acqua: in caso contrario la siccità ne indurirebbe la consistenza e ne pregiudicherebbe la fioritura. I piselli gradiscono un suolo fresco, ma non troppo bagnato.

I piselli sono sensibili a molti parassiti tipici delle leguminose. In particolare, il tonchio, gli afidi e la tortrice. Quest’ultima è causa di gravi danni in quanto la sua larva buca i semi e vi si introduce, svuotandoli dall’interno. Per evitarla puoi intervenire coprendo le piante con dei teli o trattare con prodotti appositi una settimana dopo l’inizio della fioritura per controllare i bruchi appena nati. Gli altri insetti si possono, in casi gravi, controllare con piretrine o piretroidi.


Pisello: proprietà e ricette

La caratteristica che distingue i piselli è il fatto che siano particolarmente leggeri e, dunque, digeribili. Per questo motivo, non creano i classici problemi di meteorismo e aerofagia, tipici di tutti gli altri legumi. Grazie al contenuto di potassio e magnesio, nonché alla capacità di ridurre i livelli di colesterolo “cattivo”, i piselli sono utili anche per la salute del cuore e del sistema circolatorio.

Prima di pensare a ricette e manicaretti, è importante imparare a riconoscere i piselli freschi: devono avere bacelli brillanti, resistenti alla pressione di un dito, muniti di picciolo e contenenti almeno cinque grani.
I piselli freschi si trovano durante tutta la stagione primaverile ed estiva, e vanno conservati in frigorifero: attenzione ai tempi però, “infatti non durano più di 48 ore se interni, 4 o 5 giorni se sgranati.

In cucina i piselli freschi possono essere consumati anche crudi, ma più spesso vengono lessati o cotti al vapore. Una volta pronto all’uso, questo legume può essere consumato al naturale, in virtù del buon sapore dolce che lo contraddistingue, ma anche abbinato con insalate miste o come ingrediente per primi piatti. Ottimo, in particolare, con il riso.


Caratteristiche tecniche Pisello

trapianto: da febbraio a maggio
sesti d'impianto: 5-10 cm sulla fila e 40 cm tra una fila e l'altra
posizione: in pieno sole ma produce bene in zone parzialmente ombreggiate o in luoghi in cui le piante vicine germogliano tardi e permettono così al pisello di completare il suo ciclo colturale prima che vi sia l'ombra della vegetazione.
altezza della pianta: dai 30 ai 40 cm
raccolta:  da maggio a giugno
curiosità: varietà precoce molto rustica e facile da coltivare, produce abbondanti baccelli con piselli dal gusto delicato e molto dolci. Ottimi per essere surgelati. Questa varietà produce molto bene anche in luoghi marginali e senza particolari cure colturali.

 

Scegli la quantità

paga con carta paga con carta paga con carta paga con paypal paga con carta paga con contrassegno paga con bonifico bancario paga con my bank