Fagiolo borlotto

Fagiolo borlotto

formato piantina6 piantina/e, in Vaschetta

disponibilitaTrapiantabile dal 15/03 al 31/05

Dispo: prenotabile
Acquista quanto vuoi, la spedizione costa sempre 8 Euro!

Prezzo 3.73 iva inclusa

Quantità Vaschetta

Il fagiolo borlotto è una pianta della famiglia delle leguminose importata dopo la scoperta dell’America nel 1492 da Cristofo Colombo. I fagioli borlotti con il tempo andarono a sostituire le specie europee poiché si dimostrarono più facili da coltivare e anche più produttive. Nell’antichità era considerato un cibo per poveri, mentre i nobili lo disprezzavano a favore della selvaggina. Questo contribuì a fare in modo che i malati di gotta tra le classi meno abbienti furono molti meno rispetto ai più ricchi.

Scopri con noi tutte le caratteristiche dei fagioli borlotti, i metodi migliori per coltivarli nel tuo orto, come curarli e delle ricette a base di fagioli borlotti da utilizzare in cucina.


Fagiolo borlotto: come coltivare la pianta nell’orto

Il fagiolo borlotto è un legume che può stare bene su tutte le tipologie di terreno, l’ideale però sarebbe quello di avere un po' di terra che non sia troppo sabbiosa o argillosa, insomma una giusta via di mezzo.
I fagioli borlotti generalmente traggono vantaggio dalla fertilità residua che rimane nel terreno dalle concimazioni effettuate in passato per altre colture, quindi se siamo di fronte ad un terreno già ricco di sostanze organiche e ben fertile, non sono necessarie altre nuove concimazioni.
Il periodo migliore per il trapianto è tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate, quando le gelate saranno passate e il terreno avrà la giusta temperatura.
Irrigazione: annaffia con più frequenza quando compariranno i primi fiori ed assicurati che il terreno non sia mai troppo asciutto, evitando di bagnare le foglie per tenere lontane le odiose malattie fungine. Annaffia quindi riempiendo d’acqua le canalette poste tra le prode. Se la distanza tra le prode è corretta, i fagioli borlotti daranno vita ad un manto verde con effetto pacciamatura che ridurrà la traspirazione contribuendo a mantenere una giusta umidità del terreno.
Questa copertura riduce anche lo sviluppo delle erbe infestanti, che comunque vanno eliminate nelle prime fasi di crescita.
La raccolta si fa quando i baccelli hanno raggiunto la colorazione caratteristica della varietà. Invece per raccogliere fagioli secchi, li si lasciano seccare sulla pianta.
I fagioli borlotti si raccolgono con due mani: con una si tiene il ramo, con l’altra si tira il baccello. Stai attento perché se tiri con una sola mano il rischio concreto è quello di sradicare la pianta. La raccolta dura circa un mese con un intervento ogni cinque giorni per sgranare i fagioli borlotti.


Fagiolo borlotto: malattie della pianta e come curarla

Tra i parassiti che attaccano il fagiolo borlotti ci sono: il Tonchio, gli afidi, la cecidonia, le cimici, la tripide, l’altica e il ragnetto rosso. Si possono debellare con piretro, con soluzione di sapone, chimicamente con prodotti vari.
Tra le crittogame potrai imbatterti nella muffa grigia, il mal del piede e l’antracnosi. L’antracnosi in particolare si manifesta con macchie circolari sulle foglie e si combatte con composti a base di rame e calcio.
Infine, vale la pena citare il Virus del Mosaico, che si caratterizza con pustole gialle sulle foglie. In questo caso c’è poco da fare, le piante vanno direttamente estirpate e bruciate.


Fagioli borlotti: proprietà nutrizionali e benefici per la salute

I fagioli borlotti sono un alimento molto nutriente e come tutti i legumi costituiscono un’ottima fonte di proteine vegetali. I fagioli borlotti sono ricchi di fibre, perciò hanno un effetto lassativo, utile in caso di stitichezza. Inoltre, contribuiscono ad abbassare il colesterolo, i trigliceridi ed anche la glicemia. Ricorda infine che i baccelli dei fagioli borlotti vengono consigliati alla fine di una dieta, per stabilizzare il peso corporeo. Questo si spiega presto, i fagioli borlotti grazie al loro contenuto di fibra, pectina e flavonoidi, rallentano l'assorbimento degli zuccheri.


Fagioli borlotti: deliziose ricette da utilizzare in cucina

I fagioli borlotti come puoi immaginare sono molto utilizzati in cucina. Come contorno per gustose insalate, come ingrediente per condire minestre, per preparare zuppe, passati, gustose insalate, sformati, crocchette e polpette, il loro uso è veramente vario.

I fagioli borlotti sono una delle basi anche di alcune ricette messicane. Consumati piccanti o con l’aggiunta di carne, questi piatti molto speziati e dal gusto deciso sono davvero squisiti. Per una ricetta speziata i borlotti alla messicana solo l’ideale.
Ma puoi inserirli anche in altre ricette, per esempio tra i condimenti di gustose insalate fredde a base di riso e cereali, o anche in un goloso couscous di verdure.


Caratteristiche tecniche Fagiolo borlotto

trapianto: da aprile a luglio
sesti d'impianto: sulla fila 5-10 cm, tra le file 50 cm
posizione: in pieno sole
altezza della pianta: 30 cm
raccolta: da giugno a ottobre
curiosità: pianta molto produttiva che esprime la sua potenzialità  in terreni ricchi di sostanza organica ben drenati e con ripetute sarchiature. Il fagiolo è una piante appartenente alla famiglia delle leguminose detta MIGLIORATRICE in quanto lascia un terreno migliore rispetto a come l’aveva trovato. 

Scegli la quantità

paga con carta paga con carta paga con carta paga con paypal paga con carta paga con contrassegno paga con bonifico bancario paga con my bank