Acetosa

Acetosa

formato piantina1 piantina/e, in Vaso Ø 14 cm

disponibilitaTrapiantabile dal 02/04 al 30/11

Dispo: ottima | Consegna: 2-4 giorni lavorativi tramite corriere
Acquista quanto vuoi, la spedizione costa sempre 8 Euro!

Prezzo 4.95 iva inclusa

Quantità Vaso Ø 14 cm

L’acetosa è una pianta spontanea molto diffusa nei prati, ma anche ai lati di strade e sentieri. L’Acetosa appartiene alla famiglia delle Polygonaceae ed è un’erba aromatica tipica del genere Rumex.
Fin dai tempi antichi è sempre stata utilizzata sia in medicina che in cucina nella versione cruda o cotta. È nota anche come “erba brusca” o “acetosella” per il sapore acidulo.

L’acetosa era conosciuta anche nei tempi antichi come pianta officinale, gli Egizi e gli antichi romani la utilizzavano come condimento per i brodi di pollo con pomodori e lenticchie. Però è grazie a Carlo Magno, che intensificò la sua coltivazione nei giardini dei chiostri monastici, se si diffuse maggiormente.
Scopri come coltivare nel tuo orto o in vaso l’acetosa, quali sono le sue caratteristiche e gli utilizzi che se ne fanno in cucina con alcune ricette.


Acetosa: come si coltiva nell’orto o in balcone

Rustica e facilissima da coltivare, l’acetosa cresce bene al sole o in mezz’ombra. Il terreno ideale per la sua coltivazione deve essere fertile e ben drenato. È una pianta che si adatta bene al clima temperato italiano, non necessita di particolari accorgimenti e anche in inverno non si deve provvedere a proteggerla. Unico accorgimento, tienila al riparo dal vento e ricorda sempre che il terreno deve essere fertile.
Il periodo migliore per il trapianto delle nostre piantine, dopo aver scavato della buca di un’adeguata profondità è la primavera. Procedi con le innaffiature senza esagerare affinché si eviti il marciume. Nel giro di poco tempo potrai cominciare a raccogliere l’acetosa per i tuoi piatti.

Ricorda che l’acetosa richiede irrigazioni regolari, abbondanti in estate, soprattutto se coltivata in vaso, ad esempio in balcone. Cerca di non bagnare le foglie, per ridurre i rischi di malattie fungine e marciumi. L'acqua va messa vicino alla base della pianta, sia in orto che in vaso.

L’altezza dell’acetosa di norma non supera il metro e in genere è in media di 70 cm. Affinché la pianta raggiunga il suo sviluppo massimo sono necessari almeno un paio di anni.

Lo sviluppo della pianta può essere compromesso da parassiti come lumache e crisomele, che ne mangiano le foglie.
Il segreto per avere una forte intensità degli aromi nell’acetosa, ma lo stesso discorso vale anche per le altre piantine aromatiche, è estremamente semplice: mettere le piante in posizione ben soleggiata e moderare l’irrigazione, che deve essere comunque costante, per fare in modo che si accumulino gli olii essenziali nelle foglie.


Acetosa: tante proprietà benefiche per la salute

Durante il Medioevo i medici utilizzavano l’acetosa per curare la peste e il colera e si cercava di curare anche lo scorbuto, un’affezione derivante dall’assenza di vitamina C, sostanza di cui l’acetosa è invece particolarmente ricca.

L’alto contenuto di ossalati e atrachinoni rende l’acetosa un’ottima erbacea diuretica, antinfiammatoria e rinfrescante. Viene impiegata anche per curare acne e pelli grasse. Addirittura con un infuso si può intervenire anche per curare o quanto meno lenire gli ascessi.

Nell’acetosa troviamo poi, ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, amido e oli.
Questa erbacea è anche un ottimo rimedio contro le ustioni provocate dal contatto con le ortiche: basta strofinare le foglie sulla zona cutanea “danneggiata” per ottenere subito sollievo.

Attenzione però, ci sono anche alcune controindicazioni che è meglio conoscere: l’acetosa è potenzialmente nefrotossica, quindi è controindicata per chi soffre di calcoli, artrite, gotta, e reumatismi. Infine, è sconsigliato consentire, soprattutto ai bambini, un consumo prolungato delle foglie crude, che possono addirittura dare vita a serie lesioni renali.


Acetosa: usi in cucina e ricette

Dell’acetosa in cucina normalmente si utilizzano le foglie, che si possono mescolare in insalate miste, lessate con altre verdure, cotta in un minestrone o in torte salate.
L’acetosa esalta il sapore di carni rosse e pollame ed è un ottimo ingrediente per i sughi utilizzati come condimento per la pasta o per salse da abbinare con pesce o carne.

Se non ci si accontenta di utilizzare le foglie, si può provare anche gli steli, sia cotti che crudi in insalate, aggiungendo un tocco agrumato molto piacevole.


Caratteristiche tecniche Acetosa

Scegli la quantità

paga con carta paga con carta paga con carta paga con paypal paga con carta paga con contrassegno paga con bonifico bancario paga con my bank