Incenso

Incenso

formato piantina1 piantina/e, in Vaso Ø 14 cm

disponibilitaTrapiantabile dal 01/03 al 30/06

Dispo: ultimi pezzi | Consegna: 2-4 giorni lavorativi tramite corriere
Acquista quanto vuoi, la spedizione costa sempre 8 Euro!

Prezzo 4.20 iva inclusa

Quantità Vaso Ø 14 cm

La pianta dell'incenso è una specie di edera sempreverde, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, che può crescere rigogliosa sia in vaso che a terra. È una pianta adatta a giardini, terrazzi e balconi. Ne esistono numerose varietà, caratterizzate da bellissime foglie di diverse tonalità.

L’incenso è una pianta che non necessita di particolari cure. Nonostante il nome , partiamo subito con il rivelarti una curiosità: questa non è la pianta da cui si ricava l’incenso ma, probabilmente, il suo profumo che un po’ lo ricorda ha contribuito a renderla nota con questo appellativo. L’incenso utilizzato nei rituali liturgici, infatti, è derivato dalla resina oleosa che si estrae dalla Boswellia sacra. In ogni caso, anche se non si tratta veramente di incenso, il profumo del Plectranthus è gradevole e anche utile, perché è un ottimo repellente per gli insetti, in particolare le zanzare!


Incenso, come si coltiva in giardino e in vaso

Come già detto l’incenso può essere coltivato in vaso, quindi è perfetto non solo per il giardino ma anche per terrazzi e balconi, oppure in piena terra nei giardini, soprattutto come bordura o copri suolo.

È una pianta che necessita di tanta luce ma non ama l’esposizione diretta ai raggi del sole che, nei periodi o nei luoghi più caldi possono danneggiarla. È bene, quindi, trovare una collocazione riparata dal sole in luoghi che non sono esposti direttamente per tutto il giorno ma che possano offrire un po' d'ombra, meglio se nelle ore più calde.

Il terriccio, preferibilmente misto, leggero e ricco di sostanze organiche, deve essere sempre ben irrigato e, al tatto, non deve mai risultare secco e asciutto. La pianta d’incenso deve essere irrigata quando serve, più abbondantemente nei periodi caldi e con frequenza inferiore nei periodi più freddi. Anche frequenti vaporizzazioni possono aiutare a mantenere il giusto tasso di umidità. Il terreno deve essere sempre ben drenato perché questa pianta teme i ristagni d’acqua che possono creare gravi danni e far marcire le radici. È quindi importante prestare attenzione a questo aspetto e, per esempio, evitare che l’acqua si accumuli nei sottovasi.

Il periodo giusto per piantare o trapiantare il Plectranthus va da aprile a maggio. Se piantata in vaso, è necessario che la capacità dello stesso sia equivalente almeno al triplo del volume delle radici. Quando le radici delle piante coltivate in vaso fuoriescono dai fori di drenaggio del contenitore, devono essere rinvasate in vasi più grandi, cosa che può avvenire in qualsiasi momento dell’anno.

Per fortificare le piante, all’inizio della primavera, è consigliabile cimare gli steli e aggiungere al terriccio concime granulare a cessione lenta oppure, periodicamente, dalla primavera all’autunno, durante le annaffiature, utilizzare concime liquido per piante verdi diluito in acqua.

Come tante altre piante non sopporta le temperature troppo basse e, di conseguenza, se la temperatura scende sotto ai 5-10° è meglio trasferire in casa le piante coltivate in vaso e, quando possibile, trasferire al chiuso e in vaso quelle in piena terra. È molto importante che le piante, anche in casa, siano poste in posizione molto luminosa e che il livello di umidità sia sufficiente.


Incenso, come prendersene cura

L'Incenso necessita davvero di pochissime attenzioni. Per questo motivo la propagazione si rivela un'operazione molto semplice: è possibile tagliare le cime dell'incenso dotate di qualche fogliolina e riporle in acqua. Dopo una ventina di giorni le radici spuntano senza bisogno di alcun prodotto chimico. L'unica accortezza di cui l'incenso necessita si colloca nella scelta del tipo di vaso da destinargli, il quale deve essere gradualmente sempre più grande. Non è necessario tuttavia rinvasare questa pianta ogni anno ma, anzi, è meglio optare per un rinvaso a cadenza biennale, che la può rendere più forte e compatta.


Incenso, le proprietà

L’incenso è una pianta con notevoli proprietà fitoterapiche: infatti è ricco di sostanze anti-infiammatorie utili a combattere colite, reumatismi, asma, artrite, ulcera, morbo di Crohn, gotta ed asma.

Il portamento della pianta incenso è ricadente: i fusti si piegano verso il basso, contribuendo a conferire al Plectranthus un aspetto decorativo che l’ha fatta eleggere come pianta ornamentale molto amata anche grazie alle sue notevoli virtù: il suo profumo intenso funge da repellente naturale contro insetti e, soprattutto, zanzare.


Caratteristiche tecniche Incenso

Tenere in luogo luminoso ma non esposto direttaemente al sole, per crescere ha bisogno di temperature tra i 15 ed i 22 gradi, troppo caldo o troppo freddo potrebbero danneggiare la pianta.

Utilizzare un terriccio ricco di sostanze e ben drenato, dare da bere solo quando il terriccio è asciutto ma ancora morbido, evitando i ristagni di acqua (togliere i sottovasi). Vaporizzare però le foglie aumenta l'umidità e la pianta cresce meglio.

Consigliamo un concime granulare all'inizio della primavera, dopo aver eseguito il rinvaso, e cimare gli steli.

 

 

Scegli la quantità

paga con carta paga con carta paga con carta paga con paypal paga con carta paga con contrassegno paga con bonifico bancario paga con my bank